lunedì 4 marzo 2013

La Corte di Giustizia dell’Unione Europea boccia la formazione professionale “obbligatoria”.


Con sentenza 28.2.2013, definitoria della causa C-1/12 nei confronti dell’Ordine portoghese degli esperti contabili, la Corte di Giustizia Europea - per il suo solito "pallino" che gli ordini professionali sarebbero associazioni di imprese e che come tali debbono rispettare le regole della concorrenza - ha stabilito che, perfino se la formazione obbligatoria fosse prevista per legge, un tale sistema di crediti formativi obbligatori, così eliminante anche solo parzialmente la concorrenza, è contrario al diritto dell’Unione Europea che prevale sulla legislazione nazionale.

Un sentito ringraziamento va all'avv. Maria Paola Monti, curatrice della pagina FaceBook "Previdenzialisti Romani", per la preziosissima segnalazione