sabato 14 febbraio 2015

Iscrizione telematica dei pignoramenti presso terzi ed apposizione dell'hash alle copie conformi secondo le specifiche tecniche del DPCM 13/11/2014


Come sicuramente tutti voi saprete, il D.L. 132/2014 ha introdotto significative novità nelle modalità operative delle procedure esecutive in generale e di quelle mobiliari presso terzi in particolare di cui intendo parlare in questa sede. 


Precisamente il quarto comma dell'art. 543 cpc (esecuzioni mobiliari presso terzi), è stato sostituito dal seguente: "Eseguita l’ultima notificazione, l’ufficiale giudiziario consegna senza ritardo al creditore l’originale dell’atto di citazione. Il creditore deve depositare nella cancelleria del tribunale competente per l’esecuzione la nota di iscrizione a ruolo, con copie conformi dell’atto di citazione, del titolo esecutivo e del precetto, entro trenta giorni dalla consegna. Il cancelliere al momento del deposito forma il fascicolo dell’esecuzione. Il pignoramento perde efficacia quando la nota di iscrizione a ruolo e le copie degli atti di cui al primo periodo sono depositate oltre il termine di trenta giorni dalla consegna al creditore".

Come armonizzare quest'importante innovazione legislativa a quella, relativa al PCT, che prevede che i predetti depositi dovranno effettuarsi esclusivamente con modalità telematiche a partire dal 31 marzo 2015? 

E ancora, dal momento che è prescritto che, unitamente alla nota di iscrizione a ruolo il difensore deposita, attestandone la conformità agli originali, le copie dell'atto di citazione, del titolo e dell'atto di precetto (articoli 518, sesto comma, 543, quarto comma e 557, secondo comma, cpc), come far convivere questa disciplina e quella prevista dal DPCM 13/11/14 di cui ho parlato QUI?

L'avv. Nicola Gargano, in un interessantissimo articolo che troverete QUI, ha osservato giustamente che... "Cresce dunque il potere di certificazione dei legali che potranno attestare la conformità all’originale delle copie informatiche dei documenti allegati al deposito telematico del pignoramento, a mio avviso semplicemente inserendo tale attestazione nell’indice o nella nota di deposito che allegheremo come atto principale in corrispondenza di ogni documento".

La geniale intuizione del collega Gargano, che avevo abbracciato con entusiasmo anche io QUI predisponendo una nota di deposito del p.p.t. con un'unica attestazione di conformità, e che poteva tranquillamente essere utilizzata fino a pochi giorni or sono, purtroppo crea non pochi problemi per le dichiarazioni di conformità predisposte a partire dall'11/02/2015, giorno in cui è formalmente entrato in vigore il DPCM 13/11/14 che, all'art. 4, ha portato con sè l'annosa questione dell'hash e del riferimento temporale per la dichiarazione di conformità dei files derivanti da scansione. 

In sintesi, come sarà possibile risolvere il problema dell'iscrizione telematica dei p.p.t. provvedendo contemporaneamente ad attestare la conformità dell'atto di citazione, del titolo esecutivo e del precetto secondo le specifiche del DPCM 13/11/14?

Ad avviso di chi scrive, l'atto principale (PDF nativo e quindi non derivante da scansione), a differenza del modello che ho postato sopra e predisposi in tempi non sospetti, oggi non potrà più contenere un'unica attestazione di conformità, dal momento che ogni documento allegato ha necessariamente una specifica impronta HASH che va, quindi, indicata di volta in volta.

Di conseguenza l'atto principale si limiterà ad essere una semplice "richiesta di iscrizione a ruolo" con indicazione analitica dei documenti che si andranno ad allegare.

Per quanto invece riguarda i singoli allegati, ogni file dovrà contenere una specifica attestazione di conformità all'originale (che rimane presso lo studio dell'avvocato) nella quale viene indicato al contempo l'hash del documento stesso con relativo riferimento temporale.

Vi ricordo che l'hash di un file pdf puó essere agevolmente estrapolato e quindi copiato ed incollato nell'asseverazione di conformità, con questa comodissima webapp

Nei prossimi giorni provvederò a predisporre e a condividere con tutti voi due nuovi facsimile e precisamente la richiesta di iscrizione a ruolo e l'attestazione di conformità con impronta hash e riferimento temporale dei singoli documenti allegati.

Continuate a seguirci.

Carmine Buonomo