martedì 29 gennaio 2013

Bonus elettrico: requisiti e modulistica per il 2013


Il bonus elettrico resterà in vigore anche per il 2013 consentendo alle famiglie un risparmio del 20% circa sulla spesa annua presunta (al netto delle imposte). Si tratta uno strumento, introdotto qualche anno fa dal Governo e reso operativo dall'Autorità per l'energia con la collaborazione dei Comuni, che ha l'obiettivo di garantire alle famiglie in condizioni di disagio economico e alle famiglie numerose un risparmio sulla spesa per l'energia elettrica.

In particolare possono accedere al bonus tutti i clienti domestici intestatari di un contratto di fornitura elettrica, per la sola abitazione di residenza, con potenza impegnata fino a 3 kW per un numero di familiari con la stessa residenza fino a 4, o fino a 4,5 Kw, per un numero di familiari con la stessa residenza superiore a 4, e:
- appartenenti ad un nucleo familiare con indicatore ISEE non superiore a 7.500 euro;
- appartenenti ad un nucleo familiare con più di 3 figli a carico e ISEE non superiore a 20.000 euro.

Il bonus elettrico è previsto anche per i casi di disagio fisico, cioè per i casi in cui una grave malattia costringa all'utilizzo di apparecchiature elettromedicali indispensabili per il mantenimento in vita.

Ma quanto vale il bonus? 
Il valore varia a seconda del numero dei componenti della famiglia. In particolare per l'anno 2013 è di:
- 71 € per una famiglia di 1 o 2 persone
- 91 € per 3 o 4 persone
- 155 € per più di 4 persone

Per i soggetti in gravi condizioni di salute il valore del bonus dal 2013 è stato modificato e varia in relazione al numero di apparecchiature medico-terapeutiche salvavita utilizzate e al tempo giornaliero del loro utilizzo. Il valore può essere determinato grazie a questo applicativo di simulazione.Per richiedere il bonus occorre compilare l'apposita modulistica e consegnarla al proprio Comune di residenza o presso altro istituto eventualmente designato dallo stesso Comune (ad esempio i centri di assistenza fiscale CAF): 
- ISEE aggiornato e in corso di validità; 
- certificato attestante l’agevolazione in vigore (Mod. 02/a1 che rilascia SGAte, oppure lettera inviata da Poste Italiane, o ricevuta del CAF); 
- modulo A/bis (disagio economico) compilato in tutte le sue parti, spuntando la casella rinnovo; 
- documento identità; 
- modulo E (solo in caso di famiglie numerose con almeno 4 figli a carico); 
- eventuale delega del richiedente (se la domanda presentata da un delegato).

Si è detto che hanno diritto al Bonus sociale per l'energia elettrica tutte le famiglie presso le quali vive un soggetto affetto da grave malattia, costretto ad utilizzare apparecchiature elettromedicali necessarie per il mantenimento un vita.

La richiesta del bonus elettrico va anche in questo caso presentata al Comune di residenza del titolare della fornitura elettrica, anche se diverso dal Comune in cui è localizzata l'abitazione nella quale è collocata l'apparecchiatura "salva vita" con il nuovo modulo B.

Inoltre: 
- i cittadini già inclusi negli elenchi delle forniture non interrompibili ai sensi del Piano di Emergenza per la Sicurezza del Sistema Elettrico (PESSE), dovranno allegare apposita autocertificazione (nuovo modulo C) specificando il tipo di apparecchiatura elettromedicale utilizzata, l'indirizzo presso il quale la medesima apparecchiatura è installata, la data a partire dalla quale si utilizza l’apparecchiatura elettromedicale; 
- i cittadini non inclusi negli elenchi relativi al PESSE dovranno munirsi di apposita certificazione (nuovo modulo D) presso la propria ASL di appartenenza che attesti l'utilizzo dell'apparecchiatura elettromedicale, il tipo di apparecchiatura installata, l’indirizzo presso il quale l'apparecchiatura è installata, la data a partire dalla quale si utilizza l'apparecchiatura elettromedicale. Ove la certificazione ASL non riporti la data a partire dalla quale si utilizza l’apparecchiatura elettromedicale, dovrà essere presentata apposita autocertificazione attestante tale data.

Le famiglie già beneficiarie del Bonus sociale per il disagio fisico avranno il rinnovo automatico del Bonus elettrico (non è quindi necessario che ne facciano richiesta). Il bonus è cumulabile con quello per disagio economico qualora ricorrano i rispettivi requisiti di ammissibilità.