Indennità di accompagnamento (L. 18/80)

Indennità di accompagnamento

L'indennità di accompagnamento è stata istituita dalla Legge 11 febbraio 1980, n. 18. Si tratta di una provvidenza in favore degli invalidi civili totalmente inabili a causa di minorazioni fisiche o psichiche.
Condizioni:
  • viene erogata indipendentemente dall'età e dal reddito;
  • essere cittadino italiano o UE residente in Italia, o essere cittadino extracomunicario in possesso del permesso di soggiorno CE per soggiornanti di lungo periodo;
  • avere il riconoscimento di un'invalidità totale, non essere in grado di deambulare autonomamente o senza l'aiuto di un accompagnatore o di svolgere autonomamente gli atti quotidiani della vita;
  • non essere ricoverato in istituto con pagamento delle retta a carico dello Stato (o di Ente pubblico).
Importo 2013: Euro 499,27 per 12 mensilità.

L'indennità di accompagnamento è incompatibile con le erogazioni di provvidenze simili, erogate per cause di servizio, lavoro o guerra.
L'indennità di accompagnamento non è incompatibile con lo svolgimento di attività lavorativa dipendente o autonoma.
L'indennità di accompagnamento viene erogata al solo titolo della minorazione; pertanto è indipendente dal reddito posseduto dall'invalido e dalla sua età
L'indennità di accompagnamento non è incompatibile con la titolarità di una patente speciale.
L'indennità di accompagnamento viene erogata anche ai detenuti.
Entro il 31 marzo di ogni anno i titolari di indennità di accompagnamento devono inviare all'INPS una dichiarazione periodica relativa alla sussistenza dei requisiti di legge.


Fonte: http://www.handylex.org/



Hai domande o vuoi approfondire l'argomento?
Visita il nostro Forum

61 commenti:

  1. ho consegnato il modello AP70 all'inps in data 5 gennaio 2012 per l'erogazione dell'indennità di accompagnamento. nelle spettanze di maggio ancora non risulta nulla. quali sono i tempi per la pratica
    Grazie Giorgio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La legge concede all'Istituto 120 giorni per completare il procedimento; per esperienza personale, però, posso dirLe che, dato l'elevato carico di lavoro, non riesce mai a rispettare il termine. A questo punto le strade sono due: o aspetta con tanta pazienza o intraprende un azione legale per ottenere l'emissione di un titolo esecutivo contro l'INPS.

      Elimina
  2. il 24 gennaio 2011 a mia moglie gli e' stata tolta l'indennita' di accompagnamento nonostante e' invalida totale con protesi alle gambe e alle ginocchia ha ripresentato la domanda e' atata richiamata a visita il 18 ottobre 2011 e' gli hanno detto x la risposta di aspettare 3 o 4 mesi a tutt'oggi ancora niente. quando avremo la risposta. grazie francesco

    RispondiElimina
  3. Non posso rispondere a questa Sua domanda, in quanto i termini variano da sede INPS a sede INPS ed al consequenziale carico di lavoro. Provi a recarsi personalmente presso l'Istituto per assumere informazioni più precise.

    RispondiElimina
  4. caro avv. vorrei sapere se nell'autocertificazione reddituale da allegare a ricorso per indennità di accompagnamento si deve dichiarare l'importo del reddito imponibile oppure basta dichiarare di non superare i 31.000,00 euro?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Basta dichiarare che il nucleo familiare non ha dichiarato e/o percepito redditi superiori ad € 31.000

      Elimina
  5. SALVE , AVVOCATO HO UNA INVALIDITA CON ACCOMPAGNO DIAGNOSI SCHIZOFRENIA PARANOIDEA CRONICA HO SEMPRE AVUTO LA PATENTE NORMALE MI ANNO RICHIAMATO A VISITA MI ANNO RICONFERMATO LA PENSIONE CON ACOMPAGNO MI ANNO SEGNALATO LA PATENTE HO PASSATO LA VISITA ALLA COMMISIONE MEDICA E NON MI ANNO RINNOVATO LA PATENTE ME LANNO SOSPENA TEMPORANEAMENTE GLI HO CHIESTO IL MOTIVO MI ANNO DETTO PERCHE HO L ACCOMPAGNO NON ME L ANNO RINNOVATA BENCHE AVESSI FORNITO COME DA LORO RICHIESTO LA RELAZIONE DELLO PSICHIATRA CHE SIA LA PATALOGIA ASSESTATA E LE CURE NON INFLUISCONO ALLA GUIDA DELLA MACCHINA , è GIUSTO CHE CHI A L ACCOMPAGNO NON GLI DANNO LA PATENTE ?? GRAZIE

    RispondiElimina
  6. Se, come dice Lei, la relazione psichiatrica certifica che la patologia si è assestata e che le cure in atto non influiscono in alcun modo sulla guida, ritengo sia il caso di ricorrere avverso il provvedimento di sospensione della patente. Trattandosi di un atto di natura amministrativa deve, di conseguenza, rivolgersi ad un collega amministrativista per essere seguito.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. BUON GIORNO , AVVOCATO , OLTRE ALLA VISITA DELLA COMMISSIONE MEDICA LOCALE HO FATTO PURE IL RICORSO ALLE R.F.I.
      PORTANDOGLI OLTRE ALLA DOCUMENTAZIONE DELLA VISITA DELLA COMMISSIONE LOCALE , UNA RELAZIONE DI UN MEDICO LEGALE , DELLA PSICANALISTA , DI UNO PSICHIATRA PRIVATO , DEL MEDICO DI FAMIGLIA E DI UN ALTRO MEDICO PSICHIATRA DEL C.I.M LOCALE , PER CUI BEN 6 CERTIFICAZIONI TUTTE FAVOREVOLI ALLA MIA IDONEITA ALLA GUIDA , LA RISPOSTA è LA SEGUENTE , PER CUI SI GIUDICA CHE NON è IDONEO PER LA PATENTE DI GUIDA DI CATEGORIA , QUALSIASI , RIFERIMENTI NORMATIVI , DIGS. 59 / 2011 ALL. 3 LETTERA G
      COSA ALTRO POSSO FARE ?? GRAZIE E GRADITISSIMA RISPOSTA .
      PS. PREMESSO CHE TUTTO CIO CHE LE RIFERISCO è DOCUMENTABILE.

      Elimina
  7. gentile avv. Buonomo, le spiego brevemente il mio caso: ricorso giudiziario per indennità di accompagnamento, il ricorrente presenta nelle more nuova domanda all'Inps che riconosce il diritto dal momento della visita. cosa fare???
    Grato per il consiglio/risposta che mi vorrà dare. Stefano

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Semplice. In corso di causa bisogna depositare il verbale con cui è stato riconosciuto l'accompagnamento e limitare la domanda chiedendo il riconoscimento dalla prima istanza alla data del successivo riconoscimento

      Elimina
  8. salve avvocato il quindici di gennaio ho l'udienza per l'indenita' di accompagno di mio padre la relazione del ctu e' positiva mi sa dire cosa succedera' grazie e tanti saluti

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh, tutto dipende dall'orientamento del giudice. In particolare, se questi ritiene la CTU esaustiva e non vi sono contestazioni delle parti, provvede all'omologa. In caso contrario potrebbe chiedere chiarimenti al CTU e nei casi estremi rinnovare addirittura la stessa.

      Elimina
  9. BUONGIORNO AVVOCATO, A MIO FIGLIO NEONATO E' STATO RICONOSCIUTO LO STATO DI HANDICAP IN SITUAZIONE DI GRAVITA' E L' INDENNITA' DI FREQUENZA. NON FREQUENTANDO AL MOMENTO ISTITUTI CREDO CHE POSSA COMUNQUE OTTENERE L'INDENNITA' DI ACCOMPAGNAMENTO (E NON DI FREQUENZA) TRAMITE MODELLO AP70 ALL'INPS ESCLUSIVAMENTE VIA TELEMATICA. POSSO INVIARLO ATTRAVERSO QUALSIASI PATRONATO O DEVO RECARMI OBBLIGATORIAMENTE DOVE HO INIZIATO LE PRATICHE PER L'ACCERTAMENTO DELL'INVALIDITA'? NEL QUADRO A DEL MODELLO VI SONO 3 SEZIONI, L'UNICA CHE RIPORTA IL TERMINE MINORE E' LA PRIMA IN CUI ACCORPA ANCHE INDENNITA' DI FREQUENZA CON RELATIVE INFORMAZIONI CIRCA I RICOVERI... COME FACCIO A CHIEDERE L'ACCOMPAGNAMENTO E NON LA FREQUENZA? DEVO COMPILARE LA SECONDA SEZIONE DOVE PERO' NON PARLA DI MINORE? INFINE VORREI SAPERE SE IL CONTRIBUTO PARTE DALLA DATA DELLA RICHIESTA (CON RELATIVI ARRETRATI) O DALLA DATA DELL'INVALIDITA'? GRAZIE E SCUSI LA PROLISSITA'.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Premesso che una cosa è l'indennità di accompagnamento ed un altra l'indennità di frequenza: se a Suo figlio è stata riconosciuta la frequenza, non vedo come possa percepire l'accompagnamento.
      Al massimo, se ritiene ingiusto il provvedimento INPS e non sono passati 6 mesi dalla notifica, può valutare di impugnare il verbale per ottenere l'accompagnamento.
      L'ap70 per ottenere il pagamento della frequenza, andrebbe trasmesso "per correttezza" presso il Patronato che ha trasmesso la domanda.
      Gli arretrati di indennità di frequenza partono dalla domanda, salvo che nel verbale la commissione non abbia stabilito una diversa data.

      Elimina
  10. caro avvocato da dieci anni soffro di attacchi di panico ansia depressione e doc e sono in cura presso centro di salute mentale vorrei sapere se con queste patologie posso fare domanda d'invalidita' e se rischio sulla patente sicuro di una sua immediata risposta la ringrazio e tanti saluti

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ovviamente bisognerebbe esaminare la Sua documentazione medica; in mancanza posso solo consigliarLe di presentare domanda di invalidità ed, in base all'esito, valutare il da farsi.
      Per il problema della patente posso rassicurarLa che l'invalidità civile e l'indennità di accompagnamento non sono incompatibili con la patente di guida.
      Va tuttavia detto che vanno valutate le capacità alla guida alla luce delle disabilità certificate dalla Commissione di accertamento di invalidità civile. Se il disabile già dispone di patente speciale non ci sono problemi. Se l'invalido è titolare di patente normale al momento della visita di accertamento di invalidità, la Commissione, se ritiene che le patologie rilevate possano incidere sull'idoneità alla guida, segnala il disabile alla Motorizzazione che procede alla convocazione a visita per valutare la permanenza della capacità di guida e convertire, se del caso, la patente normale in patente speciale. Nella stessa sede verrà stabilita anche l'eventuale obbligo all'uso di determinati adattamenti alla guida.

      Elimina
  11. vorei farti una domanda due anni fa mi hanno acetato l intenita di accompagamento nel 2012 durante una revisione me lanno tolto diagnosi esiti di emoragia cerebrale neonatale epilessia focale secondariamente generalizzata a frequenza plutrisettimanali disturbo bipolare di personalità.
    le crisi epiletiche che ho non si possono neanche operare
    prendo 16 farmaci al giorno ho dirito dell intenità di accompagnamento

    RispondiElimina
  12. Sicuramente il quadro patologico non è dei migliori. Se non sono passati ancora sei mesi dalla notifica del verbale di revoca si può ricorrere direttamente in Tribunale; in caso contrario non resta altro che presentare una nuova domanda.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. SE DOVESSI PERDERE QUANDO SONO LE SPESE IL MIO REDITO è DI VENTOTO MILA èURO

      Elimina
    2. Dipende dal Giudice... non ci sono tabelle cui fare riferimento.

      Elimina
  13. sicuramente il quadro patologico non è dei migliori
    che significa

    RispondiElimina
  14. Significa che Lei non sta bene.... Avevo cercato un modo più delicato per dirlo.

    RispondiElimina
  15. epilessia farmaco resistente plurisitimanali rientra tra le patologie? Decreto Ministeriale 2 agosto 2007
    perche no lo aplicano

    RispondiElimina
  16. Beh, se non lo recepisce l'Inps direttamente, allora forse è il caso di intraprendere un'azione legale.
    Al seguente link alcune informazioni utili sull'argomento http://studiolegalebuonomo.freeforumzone.leonardo.it/discussione.aspx?idd=7366341

    RispondiElimina
  17. salve avvocato ho avuto l'udienza per l'innennita' di accompagnamento vorrei sapere i tempi per la pubblicazione della sentenza grazie tanti saluti

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Deve specificarmi se si riferisce alla prima udienza o all'udienza di decisione.

      Elimina
  18. scusi avvocato, mi riferisco all'udienza di decisione cordiali saluti

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Varia da Tribunale a Tribunale... Possono volerci pochi giorni fino ad un mese circa.

      Elimina
  19. Gent.le Avvocato,
    gradirei sapere se e'ancora valida la sentenza della cassazione che riconosce il diritto all'accompagnamento per gli invalidi con patologie di natura epilettica(per la Cassazione le persone che soffrono quotidianamente, o di tanto in tanto, di "crisi di assenza" e di "attacchi epilettici hanno diritto all'indennità di accompagnamento''
    La ringrazio,
    cordiali saluti

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La Sentenza della Cassazione sarà sempre valida fino a quando non interverrà una normativa o un orientamento giurisprudenziale differente a modificarla. Tenga solo presente che si tratta appunto di una Sentenza e quindi per ovvi motivi può essere applicata o meno, non avendo la stessa "forza" di una normativa.

      Elimina
  20. Buonasera Avvocato,
    vorrei gentilemente avere da Lei qualche delucidazione data la competenza che vedo possiede sulla materia.
    Devo presentare una atp avverso un verbale che ha riconosciuto un'invalidità al 100% SENZA indennità di accompagnamento.
    Per richiedere quindi l'accompagnamento che documenti devo per forza allegare e come calcolo il valore della causa?

    Grazie mille

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bisogna necessariamente allegare il verbale impugnato e tutta la documentazione sanitaria; anche se la normativa non lo richiede, ai fini della prova dell'interesse ad agire consiglio di allegare anche una dichiarazione autenticata di non ricovero in Istituti e/o Case di cura con retta a carico dello Stato.

      Elimina
  21. Gent.le Avvocato,
    le volevo porre un quesito riguardo l'avviso di comunicazione a visita.In particolare mio figlio attende la visita di revisione fissata nel mese di Gennaio 2013.Non ci e'pervenuta ,ad ora,nessuna comunicazione pertanto volevo chiederle se risulta vero che le comunicazioni di convocazione a visita(nel caso di specie visita di revisione)sono formalizzate solo attraverso posta certificata e non piu'via posta.
    La ringrazio per questo utilissimo spazio informativo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se nel verbale INPS/ASL è indicata una data di revisione, la visita non viene fissata d'ufficio, ma deve essere l'interessato che, almeno 2/3 mesi prima della scadenza, deve presentare domanda di revisione.
      Quindi se Suo figlio non l'ha già fatto, lo faccia attivare immediatamente perchè, in mancanza, perderà tutti i ratei nel frattempo maturati.

      Elimina
  22. buona sera avvocato.le spiego il problema che incorre a mia suocera.e stata riconosciuta invalida al 100% nel 2001.essendo in dialisi tri-settimanale,nel stesso periodo e stata inoltrata anche la domanda di accompagnamento,che e stata respinta.allora il patronato a visto opportuno di incorrere in giudizio.adesso senza farla troppo lunga fino ad oggi non mi e mai arrivata una lettera per quando riguarda quella causa.adesso cambiando patronato o fatto fare una visura è mi a confermato di essere ancora in causa. il vecchio patronato non vuole darmi ne documentazione ne informazioni al riguardo.il nuovo dice di rifare la pratica da capo con lui però ce la perdita degli arretrati come devo comportarmi. grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Probabilmente il nuovo Patronato non sa che fino a quando risulta "aperta" una vecchia pratica, il sistema telematico INPS non permette assolutamente l'inoltro di una nuova domanda.
      Di conseguenza non Le resta altro che andare a parlare con l'avvocato del primo patronato per verificare lo stato della causa.

      Elimina
  23. Buongiorno Gent.mo Avvocato Carmine Buonomo,
    vorrei porLe un quesito riguardo l'indennità di accompagno alla luce della recente sentenza della cassazione di Teramo per le persone affette da epilessia. Una persona conoscente è affetta da epilessia piccolo male e nell'ultimo mese ha avuto 2 crisi con svenimento, ha diritto all'indennità di accompagno?
    Cosa bisogna fare per richiedere il beneficio?
    In attesa di una Sua cordiale risposta porgo distinti saluti e La ringrazio anticipatamente per la Sua disponibilità.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Premesso che l'unica Cassazione che Conosco è quella di Roma.
      Comunque se fa riferimento alla famosa Sentenza del 2004 (http://studiolegalebuonomo.freeforumzone.leonardo.it/discussione.aspx?idd=7366341), non deve far altro che inoltrare domanda di invalidità civile ed attendere l'esito della visita.
      Nel caso in cui non dovessero riconoscere l'indennità di accompagnamento (cosa più che probabile), dovrà impugnare in Tribunale il verbale, deducendo anche gli estremi ed il contenuto della suddetta sentenza.
      Tenga presente , però, che trattandosi appunto di una sentenza e non di una legge nazionale è liberamente valutabile dal Giudice.

      Elimina
  24. Gent.le Avvocato,
    le volevo chiedere riguardo la nota sentenza della Cassazione del 2004 che riconosce il diritto all'accompagnamento ai soggetti epilettici.A breve mio figlio sara'convocato a visita di revisione ritene,in base alla sua esperienza,presentare per iscritto una richiesta esplicita'di riconoscimento dell'indennita'di accmpagnamento ed esonero dalle successive visite allegando eventualmente gli estremi della sentenza.Pensa possa essere utile?
    Inoltre vorrei capire se la revisione sara'di pertinenza dell'inps o dell'Asl.
    Grazie per i suoi chiarimenti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La revisione sarà di pertinenza dell'INPS.
      Come ho già risposto sopra, la Sentenza della Cassazione non ha valore normativo e quindi la commissione è libera di valutarla o meno; per esperienza personale posso dirLe che non la prendono assolutamente in considerazione.

      Elimina
  25. salve avvocato le volevo dire che mi hanno messo in pagamento l'innennita' di accompagnamento siccome la decorrenza e' di ottobre 2009 come mai non mi hanno messo in pagamento gli arretrati e solo la mensilita' di marzo prossimo in una sua immediata risposta la saluto cordialmente



    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono notizie che, per ovvi motivi, non posso darLe io. Deve recarsi alla sede INPS per cercare di capire che cosa è successo.

      Elimina
  26. SALVE , AVVOCATO HO UNA INVALIDITA CON ACCOMPAGNO DIAGNOSI SCHIZOFRENIA PARANOIDEA CRONICA HO SEMPRE AVUTO LA PATENTE NORMALE MI ANNO RICHIAMATO A VISITA MI ANNO RICONFERMATO LA PENSIONE CON ACOMPAGNO MI ANNO SEGNALATO LA PATENTE HO PASSATO LA VISITA ALLA COMMISIONE MEDICA E NON MI ANNO RINNOVATO LA PATENTE ME LANNO SOSPENA TEMPORANEAMENTE GLI HO CHIESTO IL MOTIVO MI ANNO DETTO PERCHE HO L ACCOMPAGNO NON ME L ANNO RINNOVATA BENCHE AVESSI FORNITO COME DA LORO RICHIESTO LA RELAZIONE DELLO PSICHIATRA CHE SIA LA PATALOGIA ASSESTATA E LE CURE NON INFLUISCONO ALLA GUIDA DELLA MACCHINA , è GIUSTO CHE CHI A L ACCOMPAGNO NON GLI DANNO LA PATENTE ?? POI HO FATTO RICORSO ALLE R.F.I. PORTANDOGLI OLTRE ALLA DOCUMENTAZIONE DELLA VISITA DELLA COMMISSIONE LOCALE , UNA RELAZIONE DI UN MEDICO LEGALE , DELLA PSICANALISTA , DI UNO PSICHIATRA PRIVATO , DEL MEDICO DI FAMIGLIA E DI UN ALTRO MEDICO PSICHIATRA DEL C.I.M. LOCALE , PER CUI BEN 6 CERTIFICAZIONI TUTTE FAVOREVOLI ALLA MIA IDONEITA ALLA GUIDA , LA RISPOSTA è LA SEGUENTE , PER CUI SI GIUDICA CHE NON è IDONEO PER LA PATENTE DI GUIDA DI CATEGORIA , QUALSIASI , RIFERIMENTI NORMATIVI , DIGS. 59 / 2011 ALL. 3 LETTERA G
    COSA ALTRO POSSO FARE ?? GRAZIE E GRADITISSIMA RISPOSTA .

    RispondiElimina
  27. nessuno è al corrente che adesso tolgono tutte le pensioni d'invalidità. diciamolo ai politici che vogliono essere votati. che ci difendano a noi poveri invalidi.

    RispondiElimina
  28. buongiorno avvocato le chiedo un consiglio,
    devo chiedere degli arretrati per l'accompagno riconosciuto dalla commissione medica in data 3.12.2010 (la presentazione della domanda è avvenuta in data 28.11.08).
    Con lettera dell'INPS del 12.6.2011 viene riconosciuto il pagamento dell'indennità di accompagno dal 1.12.2008 che "verranno acccreditate sul conto da lei indicato con valuta del 1.7.2011".
    effettivamente hanno iniziato a pagare dal 1.7.2011 la mensilità.
    mi chiedo per accelerrare i tempi visto che c'è un riconoscimento di debito si può fare ricorso per decreto ingiuntivo invece di un ricorso ordinario .
    la ringrazio sin d'ora del consiglio che mi vorrà dare

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si può provare la strada del decreto ingiuntivo (ovviamente allegando i calcoli degli arretrati ed interessi legali dovuti). Tutto, ovviamente, dipende dall'orientamento del magistrato.

      Elimina
  29. salve,vorrei una risposta ad una domanda di natura burocratica.Lo scorso 24 gennaio 2013 si è tenuta l'udienza di decisione in merito al ricorso da noi presentato per la richiesta di accompagno per mio marito ,trentanovenne, affetto da sclerosi multipla recidiva-remittente diagnosticatagli 5 anni fa.Ad oggi non abbiamo ancora ricevuto una risposta,sia essa positiva che negativa.Ma quanto dobbiamo aspettare ?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono informazioni tecniche che per ovvi motivi può fornirVi solo il Vostro avvocato.

      Elimina
  30. salve avvocato volevo fargli una domanda, siccome a mio padre gli hanno liquidato l'innennita' di accompagnamento lo scorso febbraio volevo sapere se entro la fine di marzo devo comunicare la dichiarazione di responsabilita' e come devo fare grazie per la risposta e cordiali saluti

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'INPS non ha ancora comunicato le modalità 2013 per la trasmissione delle dichiarazioni di responsibilità.
      Si rivolga tra qualche settimana ad un Patronato di fiducia.

      Elimina
  31. SONO MICHELE. IL 15 MARZO 2013, IL GIUDICE HA RICONOSCIUTO, IN BASE AL VERBALE DEL CTU L'ACCOMPAGNAMENTO PER MIA MADRE,
    E GLI ARRETRATI A PARTIRE DA MARZO 2012.
    QUALI SONO I TEMPI PER L'EROGAZIONE DA PARTE DELL'INPS,
    DELLA PENSIONE E ARRETRATI??? GRAZIE

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Come ho risposto già ad un altro utente qualche post in alto, sono informazioni tecniche che per ovvi motivi può fornirVi solo il Vostro avvocato.

      Elimina
  32. Buongiorno Avvocato, volevo chiederLe se la cancellazione anagrafica per irreperibilita' puo essere motivo di perdita o sospensione dell erogazione della pensione di invalidita civile da parte dell inps.Inoltre se non si presenta il modello icric cosa succede?
    Grazie e cordiali saluti

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non mi è mai capitato di affrontare la situazione (la cancellazione anagrafica per irreperibilità è una situazione alquanto insolita) e quindi non ho esperienze concrete per darLe una risposta precisa.
      Provi a chiedere alla sede INPS di competenza

      Elimina
  33. Buonasera Avvocato,
    mia suocera ha perso il ricorso, tramite i sindacati, per l'indennità di accompagnamento. Al momento del ricorso i sindacati ci avevano comunicato che in caso di vittoria avremmo potuto fare "un'offerta al sindacato", in caso negativo non avremmo pagato nulla.
    Ora ci chiedono 900€. Cosa dobbiamo fare?
    La ringrazio anticipatamente,
    saluti
    Chiara

    RispondiElimina
  34. Non lavorando con i sindacati non conosco il loro modus operandi.
    In ogni caso mi sembra un comportamento alquanto equivoco e scorretto dire prima una cosa e successivamente il contrario.

    RispondiElimina
  35. buonasera avvocato sono la mamma di un bambino autistico..aspetto da tre anni gli arretrati dell'indennità di frequenza di mio figlio...è normale tutto questo???approvata gennaio 2011....l'accompagnamento approvato il 30 gennaio 2012 e niente neppure quella...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No signora, non è assolutamente normale! Per legge l'INPS ha a disposizione un massimo di 120 giorni per evadere le istanze dei cittadini. Già al 121° giorno poteva rivolgersi tramite un avvocato alla magistratura competente per cercare di velocizzare la liquidazione delle provvidenze.

      Elimina
  36. BUONASERA AVVOCATO, HO 45 ANNI E DA CIRCA 14 SOFFRO DI MDP. M HANNO CONFERMATO LA L. 104/92 art. 3 comma 3. godo inoltre di pensione di accompagno in quanto e sul decreto hanno scritto ke ho bisogno di asssistenza continua nello svolgere gli atti di vita quotidiana.
    Ora kiedO ALLA LUCE DI QUANTO SOPRA ESPOSTO SE HO LA POSSIBILITA' DI GUIDARE OVVIAMNETE CONFVERTENDO LA PATENTE E SE L'ACCOMPAGNO VIENE SOSPESO IN QUANTO LA MAGGIORE DIFFICOTA' LA RISOCNTRO NEL CAMMINARE A PIEDI.
    SALUTI CORDIALI

    CETTY '68

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Al seguente link troverà la risposta che cerca http://studiolegalebuonomo.freeforumzone.leonardo.it/discussione.aspx?idd=10481767

      Carmine Buonomo

      Elimina